domenica 22 dicembre 2013

Verde quiete

E siccome le storie mi piace scriverle oltre che illustrarle eccomi all'opera per il progetto:
 "I racconti di Verde quiete" 
Piccoli e brevi racconti di un mondo incantato dove gli animali sono i protagonisti assoluti
perchè:  " A Verde quiete ognun può arrivare, basta chiudere gli occhi  e sognare....."

I racconti di "Verde quiete" sono di esclusiva proprietà dell'autrice Daniela Ballestra che ne detiene tutti i diritti sia sui testi che sulle immagini-
 nessun utilizzo  è concesso senza il consenso dell'autrice-- all rights reserved 2013- 
 sia che i protagonisti siano animali o persone, quando devo illustrare una storia, mi devo documentare sugli usi e costumi e sull'habitat dei personaggi;  Si tratta di un lavoro di ricerca culturale  non solo iconografica ma anche etologica e antropologica.  Cosa mangiano, dove vivono, quali sono le abitudini e i costumi dei miei personaggi nella vita reale? Riguardo gli animali , bisogna  un po' umanizzarli  per renderli più vicini a noi, per far scattare il processo d'empatia.  Quindi, nessuno scoiattolo nella vita reale avrà nella propria tana una cucina, una sedia a dondolo e un caminetto, ma sicuramente si ciberà di noccioline, noci funghi e frutta....sicuramente proverà gioia e dolore ed avrà una sua vita da rispettare e salvare.

Voglio segnalare questo bellissimo sito ricco di utili informazioni sullo scoiattolo e il suo ruolo nell'ecosistema; alla faccia degli ignorantoni che dicono:" ma a che serve una balena, e un merlo e uno scoiattolo?" ma io direi: a che serve un uomo se non a distruggere e a parlare per dire sciocchezze?


sabato 14 dicembre 2013

 " La creatività nasce dall'angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura....."

A.Einstein

martedì 3 dicembre 2013

Mon petit ange gardien

Progetto "Tandem Jeunesse" 2013

Quarta tavola ultimata per il progetto libro "Mon petit ange gardien" scritto da Nancy Guilbert e illustrato da Daniela Ballestra

C’était un chien fidèle qui me consolait lorsque j’avais du chagrin.
Lorsque ma meilleure amie Lizzie a déménagé pour toujours à des kilomètres de ma maison, j’ai cru que mon cœur allait se briser.
J’ai pleuré dans mon lit toute une journée.

Questa illustrazione formato 21X42 ha richiesto 8 ore al giorno di lavoro per 5 giorni. Poi dicono che noi illustratori ci divertiamo! L'unica cosa che si può dire è che nessuno ha idea di quanta fatica costi sia a livello materiale che spirituale fare questo lavoro e quanto nessuno te lo riconosca a livello economico e sociale.Nemmeno uno straccio di previdenza per la vecchiaia, dopo che ci hai rimesso la vista e le ossa.



mercoledì 20 novembre 2013

Trailer gallery

 Perchè nascondersi? Ebbene sì, le mie illustrazioni sono fuggite, volate nell'etere, per gridare a tutti che esistono. Buona visione.
 

sabato 9 novembre 2013

Tandem Jeunesse è online



 Finalmente ho concluso il progetto Tandem Jeunesse con l'autrice francese Nancy Guilbert. Sono stati giorni di ansia totale, poichè il sistema di caricamento del progetto sulla piattaforma Tandem J, è alquanto macchinoso. Prima cosa occorre un minimo di dimistichezza con lo strumento informatico, poi, occorre seguire i giusti percorsi indicati dagli organizzatori per mettere in rete le immagini. Questo per quanto riguarda l'illustratore, ma dicasi la stessa cosa per l'autore. Se l'autore non ha fatto l'iter giusto per caricare il testo del progetto, l'illustratore non può cliccare "terminé" e metterlo in rete!  Bene, dopo aver caricato le mie illustrazioni ed aver fatto tutto l'iter richiesto non riuscivo a vedere il testo nella pagina e a selezionarlo per concludere e mettere in rete. Nancy la mia autrice aveva delle difficoltà e non riusciva a mettere in rete il testo pur avendolo caricato nella sua pagina.  Dopo lungo affanno, finalmente Nancy è riuscita a caricare il testo il 9 novembre ad un passo dalla deadline, proprio quando ero ormai rassegnata a perdere Tj e senza più speranza.
Ora è tutto risolto, Urrà! Nancy ha capito come doveva caricare e ci siamo rilassati tutti, io in Italia e lei in Francia!
Ma che stress, ci vorranno giorni per riprendermi, abbiamo rischiato di essere fuori da Tj con un lavoro durato mesi...

 ora che il progetto è in rete può essere visibile a questo link:

http://tandem.citrus-jeunesse.fr/projet/mon-petit-ange-gardien?destination=user%2F732%2Ftandem-jeunesse&destination_title=Espace%20Projets%20Tandem

Buona fortuna mio caro progetto libro.... ringrazio di cuore Luisa Nascosto, brava illustratrice leccese partecipante a TJ,  per avermi supportato pazientemente in questa avventura aiutandomi a superare i numerosi ostacoli  dovuti anche all''incomprensione della lingua francese, che lei invece conosce, avendola studiata a scuola. Una bella dimostrazione di solidarietà in un campo tanto competitivo come quello dell'illustrazione, dove di solito si tende la gamba anzichè stendere una mano.






lunedì 4 novembre 2013

barchette di carta


Chi non ha mai preteso, da bambino di far galleggiare a pelo d'acqua una barchetta di carta,  credendola inaffondabile? E' come sfidare l'impossibile, buttarsi in mare aperto, seppur fatti di una materia fragile. Un po' come affrontare le difficoltà della vita, bisogna continuare a galleggiare, anche se le onde cercano di travolgerci per farci affondare, malgrado le porte in faccia e i pessimi giurati, anche quando il vostro ottimo lavoro frutto di una vita di studio, verrà bocciato per farvi passare avanti robetta mediocre e di pessima fattura. D'altra parte in una nazione dove il merito è demerito, essere eliminati  è  una vincita, anzichè una sconfitta. Guardare al mercato estero è ormai l'ultima spiaggia dove far salpare la propria barchetta fragile e incerta, ma testarda quanto mai. Vai barchetta, e vento in poppa! Alla faccia di chi ti vuole affondare.



giovedì 17 ottobre 2013

ILLUSTRARE E COMUNICARE

Piccola disamina sull'arte dell'illustrare

Perchè noi illustratori non possiamo appendere al chiodo fogli e matite

Qualcuno dice che avere una qualche propensione per una qualsiasi arte è un dono, peccato che nella nostra società materialistica e sprezzante del bello, l'arte è  piuttosto un disvalore, qualcosa da guardare con sospetto, una materia sovversiva e destabilizzante. Poco redditizia, incompresa, rinnegata, maltrattata; chi ha un qualche talento artistico è considerato uno sfigato, uno che perde tempo ad occuparsi  di aria fritta, non a produrre cultura.Vuoi mettere uno scienziato, un ricercatore, un ingegnere meccanico....?
Prendiamo l'arte di illustrare, pochi sanno cosa sia un illustratore. Eppure chi non ha mai letto un libro illustrato, chi non ha nei ricordi della sua infanzia un bel libro pieno di immagini colorate che ci hanno fatto sognare ed emozionare.
In fondo i libri illustrati ci avvicinano al sapere, alla conoscenza, al rispetto per la cultura e la lettura. Le favole ci hanno insegnato a riconoscere il bene e il male, sono le prime lettura, attraverso cui conoscere il mondo, quel mondo dove ognuno deve trovare il suo posto.
Non è facile far diventare quest'arte un lavoro, ma ogni illustratore sa che non potrà mai fare a meno di disegnare anche solo per se stesso.




martedì 15 ottobre 2013

corsi d'illustrazione - IL PIACERE D'ILLUSTRARE




VUOI IMPARARE A ILLUSTRARE UNA STORIA , UN RACCONTO, UN TESTO DI POESIA, UNA FAVOLA? VUOI DARE VITA  ALLE TUE EMOZIONI ED APPRENDERE I SEGRETI DELL'ARTE DELL'ILLUSTRAZIONE?

CORSI D'ILLUSTRAZIONE INDIVIDUALI  e COLLETTIVI, BIMESTRALI,  TRIMESTRALI O MENSILI SECONDO LE TUE ESIGENZE

CORSI PERSONALIZZATI SU ORARI FLESSIBILI

LEZIONI TEORICHE E PRATICHE 

ILLUSTRAZIONE NATURALISTICA PER CHI AMA RITRARRE ANIMALI , PIANTE E 
PAESAGGI

 ILLUSTRAZIONE FAVOLISTICA PER CHI AMA NARRARE UNA STORIA PER IMMAGINI

CORSI SETTIMANALI BREVI ESTIVI

CORSI INVERNALI



PER INFORMAZIONI : corsillustrazione@virgilio.it

o pannalulu@tiscali.it

www.danielaballestra.it
www.illustriamounafavola.it

docente: Daniela Ballestra illustratrice








domenica 15 settembre 2013

pour toujours près de moi


"Pour toujour près des moi" 
per chi ha per sempre nel cuore un cagnolino bianco e ricciolino 
primi schizzi per il progetto libro Tandem Jeunesse su testo dell'autrice Nancy Guilbert
un testo toccante e pieno di poesia, per  tutti coloro che hanno nel cuore un indimenticabile amico con la coda che ha donato tanta gioia e serenità.

La storia narra dell'amore che lega  Anne al suo cagnolino Romeo, nei ricordi dei giorni trascorsi insieme, pieni di struggente nostalgia. Romeo, come tutti i cani, purtroppo avrà una vita più breve della sua amica umana e presto arriverà il giorno in cui dovrà dirle addio per sempre. Ma l'amore di un cane, la sua fedele amicizia, non vanno via per sempre. Così Anne ripensa a tutto i momenti passati insieme e sa che Romeo, seppur invisibile, sarà sempre al suo fianco come un piccolo angelo guardiano..




"Il m’a regardée en penchant sa tête sur le côté et je me suis arrêtée de hurler.
Il a posé sa patte sur mon genou comme pour dire :«Tout va bien, calme-toi. Ce n’est pas si grave, tu recommenceras ton dessin et il sera encore plus réussi »


quando si illustra un libro, si parte sempre da un testo scandito per immagini, occorre stabilire il formato, calcolare le doppie pagine e le singole, lasciare lo spazio per il testo e trovare la soluzione migliore per rendere il concetto espresso dal testo attraverso il disegno. E' importante cercare di dare un taglio originale all'immagine, provare e riprovare diverse situazioni, sviluppare la stessa immagine provando diverse angolazioni e prospettive. A volte si ha già in testa la cosa migliore, altre volte bisogna esplorare tutte le possibili alternative, prima di dire: ok questa è la cosa giusta!
Magari il giorno dopo vorreste rifare tutto, certo, ma deve arrivare il momento in cui abbassare le armi e accettare il proprio lavoro con un minimo di auto stima.

DALLO SCHIZZO ALLA TAVOLA ILLUSTRATA
 In questi giorni ho lavorato duramente per realizzare le prime due tavole per Tandem Jeunesse,  l'ansia di veder prendere forma un'idea è sempre incontrollabile, ed è il motore che agita l'animo di ogni illustratore. Ogni lavoro è una palestra, un esercizio di apprendimento e di affinamento, ogni storia è diversa e richiede soluzioni a sè.
Ma c'è anche la vista che si abbassa e converge con  effetti da cecità imminente, la schiena che duole che ci riporta alla cruda realtà e il bisogno di rivedere la luce del sole ed affilare le unghie per affrontare la giungla del mondo.
Illustrando questa storia ho sentito la presenza costante dei miei due piccoli angeli bianchi: Panna e Lulù che hanno ispirato questa storia.  Nancy Guilbert, autrice del testo, ha saputo interpretare e scrivere i miei sentimenti , traducendoli in una storia dolce e amara che piacerà a  grandi e piccini.
Mi auguro che questa tenera e struggente storia, a cui sono particolarmente legata, possa trovare presto un editore ed arrivare nelle librerie di tutto il mondo. Sognare in fondo non costa nulla. Basta crederci un po' perchè  il miglior modo per raggiungere l'impossibile è credere che sia possibile! E la fortuna arriva quando meno te l'aspetti.

mercoledì 4 settembre 2013


In tinta....a Villa Ciani (Lugano)

Vacanza a Lugano per l'estate 2013, nella Svizzera che più italiana di così si muore, non solo per la lingua italiana, ma anche per quello che caratterizza oggi l'Italia: fracasso nei locali, concerti a tutta musica nella piazza del centro e sul lungo lago, insomma, dalla padella alla brace, per chi fugge come me, da casinopoli (San Benedetto del Tronto) 
Altro che Svizzera, qui è tutto super italiano, a parte la moneta ( il franco svizzero)  la pulizia impeccabile delle strade, il decoro urbano, la natura rigogliosa, fiori e giardini curatissimi e paesaggi ben conservati (a parte gli osceni palazzi stile Montecarlo ai piedi dei monti  che si specchiano nel lago)
Vabbè, per immergersi nell'autentico mito svizzero bisogna andare nella Svizzera tedesca. D'altra parte si sa, i tedeschi son tedeschi.
Lugano è molto mediterranea anche per il clima mite e l'estate torrida! Se non fosse per la grande fuga dall'incubo allucinante delle miserie estive nostrane, (dalle Notti bianche alla sagra del pesce spada) il periodo migliore per una rigenerante vacanza sarebbe quello della bassa stagione: primavera, autunno, primi mesi dell'estate (giugno), non solo per i costi degli hotel e per il minore affollamento di fauna umana, ma anche per il clima. Camminare per chilometri con lo zaino in spalla, con 40 gradi, non è proprio il massimo! Prendere i treni con l'aria condizionata rotta o malfunzionante, nemmeno!

  bella veduta di Lugano dalla funicolare per il monte Brè

Con il franco svizzero, l'euro piange. In Svizzera tutto è molto caro,  meglio lasciar perdere acquisti extra, al di fuori del cibo, essenziale per la sopravvivenza. D'altra parte che la Svizzera sia la mèta dei nababbi si sapeva, anche trovare un hotel decoroso ad un prezzo medio è una impresa da colpo di fortuna. Ma se ci si sa destreggiare bene nei portali web, tipo tripadvisor, o booking, si riesce a trovare qualcosa di buono, alla portata del turista medio.
Una cosa è certa, in Svizzera non incontrerete mai comitive di studenti o giovani con il sacco a pelo, nè il turista nazional popolare che affolla le località della costa adriatica. Se non fate parte della categoria uomini d'affari, ma siete in viaggio di piacere e conoscenza, imparerete nell'arco di poche ore ad essere il miglior ragioniere di voi stessi. Almeno per arrivare a fine viaggio, con il massimo risparmio. E se il ragioniere che è in voi vi ordinerà di   saltare una cena, pazienza, ne guadagnerà la linea.
Quando ci si reca in Svizzera, è  facile essere oggetto di controlli imprevisti sui treni da parte della polizia italiana, che senza tanti complimenti, vi chiederà di aprire la borsa.  Scoprirete così di avere una insospettabile faccia da esportatore di valuta o chissà che altro. La polizia fa controlli a macchia di leopardo; potreste essere l'unica prescelta di un intero vagone a dover aprire la borsa. Così, per il resto del viaggio rimarrete a rimuginare sul perchè siete stata l'unica controllata; domande destinate a rimanere senza risposta. Ma se uno vuole portarsi in Italia della valuta  è così cretino da metterla nella borsa, anzichè nella valigia o nella bambola della figlia o nello zaino della nonna o in qualche tasca dei pantaloni? Ho l'impresione che certi controlli alla sergente Ryan vengano fatti più per scena che altro.

quartiere Maghetti (Lugano)
tomba di Herman Hesse (Montagnola - Gentilino)

Sulle colline che circondano Lugano, ci sono incantevoli paesini immersi tra i boschi di castagni,  tra questi, Montagnola deve la sua fama per essere stato il luogo prescelto da Hermann Hesse, il grande scrittore tedesco, che giunse qui  in cerca della necessaria tranquillità per vivere, meditare , scrivere e disegnare.
Un museo è sorto a Montagnola nella torre Camussi, adiacente la casa in cui Herman Hesse visse alcuni anni prima di trasferirsi nella Casa Rossa. Il paese è caratterizzato da una quiete incantevole dove il tempo sembra sospeso; un piccolo eden immerso nella natura, dentro il quale la presenza dello scrittore è tangibile in ogni angolo, lungo l'itinerario che si snoda tra stradine di campagna, dolci declivi e scorci incantati, fino alla frazione di Gentilino caratterizzata dall'abbazia di Sant'Abbondio e dal piccolo cimitero dove riposano Hermann Hesse  e sua moglie Ninon.
La tomba spoglia, disadorna non rende giustizia alla memoria di un intellettuale che da sempre incarna il mito di intere generazioni, colui che ha sapientemente descritto nelle sue opere ( Siddharta, Il lupo della steppa, Demian,.....) l'eterno conflitto dell'uomo moderno in cerca della sua identità, diviso tra spirito e materia.

macchina da scrivere di Hermann Hesse
 museo Hermann Hesse Montagnola (Lugano)

Gentilino - Abbazia di Sant'Abbondio

veduta del lago di Lugano dal Monte S.Salvatore




mercoledì 24 luglio 2013

Greetings collection

Happy Birthday
 postcard by Daniela Ballestra -illustrator - 2013-
 


"BIRTHS"

" Weddings"



Ogni tanto bisogna pure piegarsi alle esigenze del mercato e illustrare temi banali e popolari, allora via con i babbi natale, neonati lieti di venire al mondo, sposini felici prima delle zuffe post matrimoniali, e tutto quel classico repertorio di lieti eventi per cui c'è sempre un biglietto d'auguri pronto da spedire. In Italia non si usa molto inviare o regalare biglietti di auguri, ma in America e nei paesi anglosassoni l'industria è fiorente. Chi di noi non ha nel cassetto una cartolina illustrata, magari conservata da anni e anni, magari solo perchè ci piaceva l'illustrazione ?
Vabbè, diciamo che ci sono altre centinaia di cartoline che vengono ogni anno buttate nella raccolta differenziata, magari da chi non ha quel senso delle cose belle che ancora oggi ci permette di leggere un messaggio di un secolo fa, accompagnato dall'immagine lieta di una bella illustrazione. In fondo anche le cartoline sono testimoni dell'attimo fuggente nella storia di ognuno,  di quel  tempo  che passa, rimanendo  impigliato in un semplice cartoncino colorato!


"Nana afferra l'ombra di Peter"
Nana catches the Peter's shadow 

illustrazione realizzata da Daniela Ballestra per il concorso illustratori - "Peter pan"- 
Battello a Vapore 2013 edizioni Piemme

"Alice nel paese delle meraviglie"
"Alice in the worldland"
illustrazione realizzata per il concorso "Il Battello a Vapore" - 2012



martedì 16 luglio 2013

Piccola guida del perfetto animalista


Eccola, nuova di zecca l'ultima pubblicazione promossa dall'associazione "Arca 2000" onlus diritti dell'animale malato in collaborazione con la Regione Marche, con le mie illustrazioni eseguite a titolo del tutto volontario, per offrire una giusta e corretta informazione sulle principali tematiche dei diritti animali. Una piccola guida tascabile da portare sempre con sè, perchè no, anche sotto l'ombrellone, questa estate, magari leggendola ai vostri figli o amici e parenti, per riflettere sulle conseguenze che le nostre scelte hanno sulla vita degli animali. 
24 pagine corredate di illustrazioni in b/n ci parlano di malasanità animale, sterilizzazzione, caccia, randagismo, allevamenti, circhi e quanto altro riguarda la sofferenza animale. Il nostro atteggiamento e il nostro pensiero nei confronti degli animali devono iniziare da una diversa considerazione delle altre specie che abitano il pianeta  verso le quali noi umani siamo responsabili. Se vogliamo diventare persone migliori, se vogliamo salvare la nostra civiltà, il nostro senso etico e il nostro progresso umano, iniziamo a dire "no" al maltrattamento degli animali in ogni ambito, perchè solo ascoltando i più deboli e indifesi come gli animali potremo salire nella scala dei valori umani.

per ordinare la piccola guida:


per guardare un'anteprima:



Il binomio è fatto

Sarà Nancy Guilbert l'autrice del mio progetto libro per il concorso Tandem Jeunesse 2013 ispirato all'amicizia eterna di un cagnolino.
La storia tratterà dell'amicizia e dell'amore che ci lega ai  nostri fedeli amici a quattro zampe fin oltre la loro definitiva scomparsa. Un cane amato non muore mai, egli muta solo forma, ed è sempre vicino a noi, seppur invisibile. Non vi sembra che quella nuvola lassù nel cielo sia il vostro bianco cagnolino che corre festoso inseguendo le altre nuvole? O che quell'idea o quella soluzione che arriva inaspettata sia arrivata come da un aiuto celeste? E quella forza speciale che vi fa lottare contro le avversità, da dove viene? Non è forse la forza dell'amore eterno di un piccolo angelo guardiano?
Il progetto "Mon petit ange gardien" si propone  di far avvicinare i giovani lettori al tema della morte, la prima esperienza dolorosa che il bambino dovrà elaborare, spesso legata alla perdita di un caro animale. A Nancy Guilbert l'arduo compito di raggiungere il cuore di tutti coloro (grandi e piccini) che conservano per sempre l'incanto dell'infanzia e il dolce ricordo di un amico a quattro zampe.


Nancy Guilbert è una scrittrice di testi per l'infanzia molto attiva in Francia. Ha pubblicato diversi albi illustrati con diverse case editrici. 
Il suo sito é: 
www.revedeplume.blogspot.com