domenica 30 aprile 2017

Vita in campagna

E' tornata la bella stagione per incantarci con nuovi colori: l'erba giovane e tenera  spunta anche sulla zolla più arida, gli  alberi frondosi agitano  le giovani chiome al vento, i novelli  papaveri spuntano timidi sul bordo strada e le bianche acacie espandono un soave profumo nell'aria inondata di luce.Tutto vuole rinascere e ripartire, la natura è l'eterna metafora del nostro vivere: dopo il freddo arriva il caldo, dopo la tempesta arriva il sereno, tutto muta e si muove, nulla rimane mai uguale...L' energia cosmica fluttua e si rimescola: scorre  in ogni filo d'erba, in ogni cinguettio, in ogni anfratto e la vedo giocare  nel giardino dove le rose iniziano a rosseggiare e i piccoli acerbi frutti spuntano tra le foglie degli alberi, mentre un leggero venticello increspa l'erba folta .
Ed è in questo mare d'erba  che si nascondono dei tesori: radicchiello, tarassaco, plantago, la borragine... si chiamano "erbe trovate" e le voglio conoscere meglio, così prendo il mio manualetto illustrato e cerco di identificarle. Il più facile da riconoscere è il tarassaco, perché ha le foglie dentellate simili alla cicoria. Poi scopro la borragine, le sue foglie sono molto ruvide e ricoperte di peluria, non mi sembrano un granché commestibili, mentre i fiori violetti, graziosissimi e delicati, sono utilizzati per molte ricette gustose. Trovo poi, anche altre erbe selvatiche che non riesco a identificare, quindi non le coglierò nè mangerò, almeno fino a quando non avrò imparato a riconoscerle meglio. Purtroppo alcune di loro sono molto simili e non sempre commestibili. Un esempio tra tutti il radicchiello (crepis vesicaria)  è commestibile, mentre il radicchiello "crepis lacera" è velenoso. Nel dubbio,  non andate a cogliere erbe selvatiche se non siete abbastanza esperti, proprio come per i funghi. Anche quest'oggi la campagna mi ha insegnato cose nuove e interessanti.
In questo canale didattico  se ne può sapere di più: https://www.youtube.com/watch?v=wSQdWmhej0U&list=PLs7-yXbgY_q1wvndSNBU61zwrL0TEc0LG&index=16

 meravigliosi papaveri nel campo di grano ancora verde
 primi boccioli di rosa nel mio roseto

 borragine e cicorino
il cicorino è buonissimo cotto, i fiori di borragine si utilizzano nell'insalata.

 con questo cestino mangio una settimana!
e sotto casa: Papaveri!!!in attesa del grano

martedì 25 aprile 2017

Sigfrid Topino

Sigfrid di Verde quiete 

Ha una piccola casetta ricavata nel tronco cavo di un albero
e un lettino fatto con il guscio di una nocciola
ma la cosa più bella è che dorme coperto da un pezzetto di cielo stellato
e il suo sonno è così tranquillo da fare invidia...
Si chiama Sigfrid ma non so dire perché, è il primo nome che mi è venuto in mente
giusto giusto  per un topino di campagna che si dà un po' di arie.
Fortuna  che il gatto Mammone non è nei paraggi e non potrà mai  infilare nemmeno un unghia
nella sua piccola tana.
Sigfrid come ogni topino che si rispetti viveva nascosto, poi un bel giorno ha deciso di venire allo scoperto, perchè voleva  mostrarci la sua coperta stellata...
E se un qualsiasi Sigfrid si mette in mente di venire al mondo, 
 beh, non c'è scusa che tenga, diventa un'ossessione, finchè non lo metti a dormire nella sua stanzetta disegnata su un foglio di carta.






 

lunedì 10 aprile 2017

I RACCONTI DI VERDE QUIETE - RECENSIONI BLOG LETTERARI

BLOG LETTERARI QUALI SCEGLIERE PER RECENSIRE I PROPRI LIBRI? 
In questo post voglio far conoscere la mia esperienza alle prese con i blog di recensioni di libri. Tanto per cominciare, occorre dire che se non siete un autore o illustratore famoso, i blog li dovrete cercare e contattare voi, con umiltà e pazienza. La maggior parte di blog, inoltre, sono aperti e gestiti a livello amatoriale da persone non sempre addette ai lavori, ma non per questo meno competenti e attente. Diciamo che, come in tutte le cose, si può trovare di tutto un po', sta a noi capire quale blog fa al nostro caso.
Proverò dunque a dare degli utili consigli:
- guardare la qualità grafica del blog, come viene proposto il libro, la qualità delle immagini, la cortesia e l'educazione del recensore, i link che collegano il libro direttamente al canale di vendita, il prezzo del libro, sono tutti elementi di professionalità da non trascurare.
-leggere le recensioni dei libri del blog vi darà una chiara idea della professionalità che cercate.
- guardate anche (ove riportato) il numero di followers e lo spazio  dedicato ad ogni libro.
- Assicurarvi che il blog abbia le condivisioni sui principali social.
Sicuramente la credibilità di un blog dipende anche da: disponibilità, interesse e cortesia della redazione nei riguardi vostri e della vostra opera.
Per quanto riguarda il mio libro:  "I RACCONTI DI VERDE QUIETE"- (tra boschi e sentieri)" ed. You Can Print, posso giudicare positive le esperienze avute con i seguenti blog:

1)  "FIOR DI LIBRI" di Fiorella e Antonella Ferrari👍
 https://fiordilibri.wordpress.com/2017/04/10/daniela-ballestra-i-racconti-di-verde-quiete/

2) IL MONDO DI CRI👍
https://www.ilmondodichri.com/single-post/2017/05/04/KIDS-BOOKS-I-RACCONTI-DI-VERDE-QUIETE-TRA-BOSCHI-E-SENTIERI-di-Daniela-Ballestra 


3) IL LIBRICINO👍
http://www.libricino.it/2017/03/13/caro-libricino-ti-scrivo-quattro-libri-per-bambini-consigliati-alla-redazione-di-autori-emergenti-e-di-piccole-case-editrici-i-racconti-di-verde-quiete-storia-di-una-matita-universi-di-versi-diver/ 
 4) IL ROSSICCHIALIBRI👍

http://ilrosicchialibri.altervista.org/racconti-verde-quiete-boschi-sentieri/

5) IL BRUCO CAROLINA 👍


http://www.ilbrucocarolina.it/i-racconti-di-verde-quiete-daniela-ballestra/

I blog sopra elencati, dopo essere stati contatti,  hanno dato l'assenso all'invio del mio libro per la recensione, mantenendo il proprio impegno con il giusto tempo limite, visto che si tratta di un libro di sole 48 pagine e per di più illustrato.

👇👎
Pollice verso invece per il blog Meloleggo.it, dopo un primo contatto a marzo 2017,  rispondono di essere  interessati a recensire il libro, invitandomi a spedire una copia ad una loro collaboratrice. Spedisco la copia di cui mi confermano l'arrivo. Passano mesi e non ho più notizia della recensione. Chiedo, dunque, spiegazioni, tramite mail, mi viene risposto che avrei ricevuto un link appena la recensione sarebbe stata in rete. Passano altri mesi, e non ricevo il link, né trovo traccia della recensione nel loro sito. In data 8 giugno 2017  chiedo ulteriori spiegazioni, ma, ad oggi, sono ancora in attesa di una risposta o al massimo delle scuse. Per quanto mi riguarda, ho depennato questo contatto dalla mia rubrica per i libri a venire.