giovedì 1 maggio 2014

ritocco digitale

 Ritocco digitale file 1: acquerello manuale

file 2: acquerello con ritocco digitale si può notare che la seconda immagine è più pulita, il soggetto (lo scoiattolo) è più definito, così come i piani avanti/dietro definiti dalle luci più nette che rendono  migliore la  prospettiva

Quando è necessario il ritocco digitale?

Il ritocco digitale serve a rendere i colori più vivi, a definire meglio l'immagine, a ripulirla da colori che in fase di stampa potrebbero risultare sporchi e poco adatti alla carta patinata, a rendere luci e ombre più definite, a correggere errori e colori poco armonici, e via dicendo. Padroneggiare la tecnica digitale,conoscerne ogni segreto, non è facile, se avete un programma di grafica del genere  Photoshop e una tavoletta grafica potrete cominciare a sperimentare, partendo da una illustrazione già colorata a mano; monitoriamo i colori con il contagocce cercando i corrispettivi toni sulla tavolozza di Photoshop. Attenzione, però, se non avete mai usato photoshop non pensate di potervi cimentare subito con la colorazione digitale! Occorre un minimo di conoscenza del programma e delle sue varie funzioni:sapere dove trovare le palette e le varie opzioni dei pennelli, così come saper trovare i colori e la scala cromatica.
E' chiaro che nessuno deve avere la pretesa di essere autodidatta nel campo; consiglio quindi di sperimentare da soli, applicandosi allo studio del programma, ma di cercare anche un buon corso tenuto da illustratori attivi nel campo del digitale che possano svelarvi ogni segreto tecnico.
Poichè è vero che lo studio serve, ma ancor più serve l'esperienza.